Shylock

di Gareth Armstrong

traduzione e adattamento Francesca Montanino

con Mauro Parrinello
e la voce di Federico Giani

regia Mauro Parrinello

scene e costumi Chiara Piccardo

segretaria di produzione Patrizia Farina

spettacolo realizzato con il sostegno di
Fabbrica delle Candele (Forlì) Spazio47 (Aprilia)

 

Il coltello affilato, gli occhi iniettati di sangue, il naso adunco e una parrucca rossiccia che gli da un aspetto diabolico. Oppure, una semplice tunica nera e un portamento nobile ed elegante. Nel primo caso, il villain rivendica la sua libbra di carne suscitando le risa e lo scherno del pubblico, nel secondo la sua pietà. Comunque sia, si tratta sempre di uno dei personaggi immortali partoriti dal genio di Shakespeare: Shylock. Ma chi era veramente l'ebreo del Mercante di Venezia? Un uomo solo, senza amici, un padre abbandonato e pieno di rabbia. Un personaggio controverso, capace di dividere la storia, che in alcuni casi ne ha fatto un baluardo dell'antisemitismo, mentre in altri l'esempio prediletto per vivaci discussioni sulla questione ebraica. Come è possibile, dopo tanto parlare, rappresentare, riscrivere e riadattare questa icona del teatro, confrontarsi ancora con Shylock? Nel suo monologo del 1998 - straordinario successo di pubblico a Edimburgo, e poi un decennio di repliche in tutto il mondo - Gareth Armstrong opera una scelta semplice e allo stesso tempo esilarante: fare uscire Shylock di scena. A parlare di lui, e non solo di lui, è qualcuno che in pochi ricorderanno: Tubal, quell'ebreo "della stessa tribù" di Shylock a cui Shakespeare dedica nel Mercante non più di otto battute. A lui il compito di ripercorrere la fitta trama del Mercante di Venezia, nel tentativo di riabilitare la figura di Shylock, di rivelare, con incredibile ironia, l'uomo dietro il personaggio, vacillante sotto il peso di un mito troppo grande per lui, E al tempo stesso, con questo 'a tu per tu'con il pubblico, in questo 'one-man show su Shylock', Tubal si prende il suo momento di gloria. la sua occasione fin troppo cercata, un'opportunità per riscrivere la tanto nota storia dal suo punto di vista.

Shylock è uno spettacolo che offre allo spettatore l'opportunità di una visione insolita del Mercante di Venezia: un punto di vista originale, obliquo, che colloca il racconto 'fuori', 'dietro', 'di lato' a ciò che avviene in scena, moltiplicandone le possibilità di interpretazione. Tra situazioni esilaranti, travestimenti, incursioni e rimandi, Shylock è un Mercante di Venezia come non l'avete mai visto.

Dramma.it
Nei panni di Tubal Mauro Parrinello, dialoga col pubblico, lo incuriosisce, lo coinvolge, interrogandosi sull’infausto destino dell'amico ebreo, riuscendo a centrare due obiettivi: quello di riabilitare la figura di Shylock e di prendersi una rivincita come Tubal, godendosi un momento di notorietà, di gloria e manifestando così il proprio punto di vista su una storia di intolleranza e vessazione.
M. Giordano

 

La Riviera On Line
Questo spettacolo dimostra che del gran teatro si può fare con un solo attore in scena, con una semplice scenografia fatta di poche scatole impilate una sull’altra. Si sorride, si ride e si riflette sulla durezza dell’uomo, sui sentieri tortuosi del rancore e della solitudine.
D. Mangiola

 

Pickwick.it
Shylock è una triplice consapevolezza: sui contenuti de Il mercante, la cui conoscenza ne risulta arricchita; sul personaggio di Shylock, di cui si rende pienamente l’ambivalenza carnefice/vittima sulla questione ebraica che dallaBibbia a Hitler mostra la propria perdurante attualità.
A.Toppi

 

PaperStreet.it
Attraverso un viaggio trasversale guidato dal materiale delle sue scatole, Parrinello/Tubal conduce lo spettatore nell’evoluzione e nella rivalutazione storico-filosofica che ha subito il personaggio nel corso dei secoli. Un percorso nella storia del teatro e della civiltà ebraica ben condotto e ottimamente strutturato.
N.DelNero

 

teatroecritica.net
Il merito è di certo nell’acume del testo, ben tradotto da Francesca Montanino, ma ancor di più in un’idea di messinscena povera ma fulgidamente semplice e funzionale, e nella presenza di un attore sincero, gradevole, in grado di tenere in mano l’attenzione di un pubblico reso partecipe e di offrire chiavi di lettura multiple che fanno riflettere sulla narrazione dei miti contemporanei. Ottimo ritmo e piccole invenzioni come lo Shylock animato come burattino dai tratti “tipici” del ricco ebreo fanno il resto, per un bel pezzo di teatro indipendente adatto a tutte le età. A patto che a tutte le età ci si conservi aperti a notare i dettagli della rappresentazione, a giocare ai ruoli di chi ascolta, chi impara e chi completa una storia in un sincero atto di relazione.
S. Lo Gatto

lo spettacolo ha vinto il Milano Off 2016 con la seguente motivazione:

Scelta curiosa e sagace quella di questo testo; Mauro Parrinello è interprete perfetto del suo personaggio, diverte e porta da subito il pubblico dalla sua parte. Impossibile resistere al suo Tubal, che pur essendo personaggio minore e frustrato nell’originale, riesce qui ad offuscare il più famoso Shylock.